Pubblicità regresso

Pubblicità regresso

Gli uomini...

Confortably numb...una delle canzoni più belle dei Pink Floyd...quanti ricordi...

TROPPO FORTE!!! XD

lunedì 31 marzo 2008

Torna a Surriento: la vera storia...

video
"Torna a Surriento" fa ormai parte del nostro patrimonio culturale: conosciuta in tutto il mondo, è entrata nel repertorio dei più grandi esecutori e da più di cento anni commuove i turisti che visitano l' Italia e gli italiani che l'ascoltano all'estero. Si dice sia nata per... un ufficio postale, ma non andò proprio così...



Il 15 settembre 1902, il Presidente del Consiglio dei Ministri, l'on. Zanardelli, giunse a Sorrento per una breve visita e fu accolto da una popolazione entusiasta ed affettuosa tra luminarie e lanci di fiori. Le cronache dell'epoca raccontano che per celebrare l'evento e per ingraziarsi il ministro affinchè fossero risolti alcuni problemi che tormentavano la città (tra cui l'esigenza di un ufficio postale) il sindaco convocò l'artista Giambattista De Curtis che insieme al fratello Ernesto, musicista, in poche ore compose "Torna a Surriento". Zanardelli ascoltò rapito il brano eseguito da una studentessa del Conservatorio di Napoli, Maria Cappiello, ne chiese la replica e, commosso, promise... l'ufficio postale.
In realtà i versi della canzone, dedicati ad una ragazza, nel 1894 erano già pronti. Esiste uno spartito di quell'anno, edito con il copyright per le Edizioni Bideri e il brano ascoltato quel giorno dal ministro fu semplicemente adattato sul testo originale: dalle dieci quartine dell'esecuzione del 1902, la canzone ufficiale è ridotta a sei. Soltanto però nel 1904 "Torna a Surriento" fu presentata al pubblico dalla Casa Musicale Bideri ed intraprese il suo giro del mondo: lo struggimento del distacco non solo da un cuore, ma da un luogo, dal mare, dalla natura, unito ad una melodia fluida e spontanea, esprime la sofferenza di ogni separazione, in una nostalgia universale.
Ecco il segreto del suo successo.



Vide 'o mare quant'è bello!
Spira tantu sentimento.
Comme tu a chi tiene mente
Ca scetato 'o faje sunnà.

Guarda, gua' chistu ciardino;
Siente, sie' sti sciure arance.
Nu prufumo accussì fino
Dinto 'o core se ne va...

E tu dice "I' parto, addio!"
T'alluntane da stu core...
Da la terra da l'ammore...
Tiene 'o core 'e nun turnà?

Ma nun me lassà
Nun darme stu turmiento!
Torna a Surriento,
Famme campà!

Vide 'o mare de Surriento,
Che tesoro tene 'nfunno:
Chi ha girato tutto 'o munno
Nun l'ha visto comm'a ccà.

Guarda attuorno sti sserene,
Ca te guardano 'ncantate
E te vonno tantu bene...
Te vulessero vasà.

E tu dice "I' parto, addio!"
T'alluntane da stu core...
Da la terra da l'ammore...
Tiene 'o core 'e nun turnà?

Ma nun me lassà
Nun darme stu turmiento!
Torna a Surriento,
Famme campà!


Versi di Giambattista De Curtis
Musica di Ernesto De Curtis




Nessun commento:

Posta un commento